Lo sforzo della materia per diventare luce

Nell’osservare l’intensa e coinvolgente produzione artistica di Lucio Rossi si ha l’impressione che questo Maestro venga spinto a dipingere dalla necessità di esprimere quell’universo di sentimenti che è in lui e che aspetta solo un occasione per rivelarsi.

E poiché i sentimenti sono come i battiti del cuore che si susseguono l’uno identico all’altro anche se dettati da stati d’animo diversi ed a volte addirittura antitetici, i quadri di questo sensibile pittore si avvalgono solo del colore, a cominciare dal bianco, senza la necessità del medium di qualsiasi immagine per rivelarli a tutti noi a volte distratti spettatori.

Raffinato disegnatore, pittore e scultore assieme, Lucio Rossi – sottolinea con quell’acutezza che gli è propria Claudia Zaccagnini – “affascinato dalla figura umana, ma anche dall’elemento naturale, dà vita, nei sintetici bassorilievi lignei, nei quali gli effetti chiaroscurali accompagnano le eleganti silhouette, ad un’interessante Umanità come nel recente ciclo pittorico de I Cicloni, al quale riesce a conferire, nel vorticoso dinamismo cromatico e disegnativo, la potenza di cui è carico l’evento naturale”.

Le sue composizioni pertanto, affrancate dalla forma, confermano quella bella immagine letteraria di Gabriele D’Annunzio, il Vate che fece della propria vita un’opera d’arte, quando sostiene che la pittura non è altro che lo sforzo della materia per diventare luce.

Renato Mammucari

Please follow and like us:
0
20