Il Velletri espugna il PalaCesaroni

Campionato serie C1 – Girone A -8a giornata di ritorno

Gara al cardiopalma dei veliterni contro l’ex Di Fazio

Una partita proibitiva per i deboli di coronarie vista come è andata a finire. Il derby col Genzano, si sa, riserva sempre tante sorprese e tante emozioni, ma la gara disputata sabato al PalaCesaroni sarà difficile da dimenticare, per l’intensità e l’altalena di emozioni. Alla fine di una partita tiratissima, risolta dal solito bomber Kaci a 28 secondi dalla fine, il Velletri espugna Genzano e prosegue la corsa in vetta alla classifica del girone. Il Genzano da pari suo ha offerto una bellissima prestazione, provando anche a vincerla la partita, giocando con grande intensità, mettendo in difficoltà il roster biancoblu. Già al 2’ il giovane Ludovisi è chiamato ad impegnarsi su un tiro da fuori. È l’unico tiro insidioso di una prima parte di gara dove soprattutto le due formazioni cercano di trovare il modo per superarsi. Ci prova Kaci di tacco su passaggio di Proja e subito dopo Margagnoni fuori di pochissimo, ma è il prologo del vantaggio del Velletri per merito del suo uomo più rappresentativo, Maicol Montagna. Il furetto veliterno prende palla sulla banda sinistra si produce in una doppia finta che disorienta i difensori genzanesi, rientra sul sinistro e scarica un bolide che si infila in diagonale. Il gol mette pressione sul Genzano, che attacca a testa bassa e ci vuole un super Ludovisi per salvare la rete con una uscita strepitosa. Il Genzano affonda la pressione e usa anche il portiere di movimento, senza trovare la via della rete. Ci vuole un time-out per il Velletri per riorganizzare le idee. Il roster veliterno comincia a macinare gioco, Fagnani mette un invitante palla sul secondo palo, ma il tiro di Kaci è salvato in extremis. Ma il secondo gol è nell’aria. Pompei stoppa palla al petto in posizione di pivot, si gira e scende a destra sulla linea di fondo semina il panico nella difesa del Genzano in bambola e mette un passaggio corto al centro per Margagnoni che appoggia la sfera in rete. A quattro dal termine il Velletri è sopra di due reti, ma il doppio vantaggio dura pochissimi secondi, tanti ne servono a Bonetti per scendere sulla banda e mettere al centro in insidioso pallone che questa volta finisce nella rete veliterna e riapre la gara. Un minuto più tardi, il Genzano completa la rimonta con una discesa defilata e un tiro in diagonale che si infila rasoterra. Sul finire del tempo Bonetti salva in extremis la porta genzanese dopo una discesa solitaria di Proja. Sul risultato di parità le due squadra vanno al riposo. Proprio il secondo tempo offrirà emozioni a non finire. Si riparte con il Genzano in pressione e Bonetti prende il palo alla destra di Ludovisi. E’ il prologo del gol del vantaggio dei locali. Su un tiro da fuori la palla scivola in rete, non senza responsabilità del giovane portiere Ludovisi. Il Genzano gioca bene, alza il ritmo e sfrutta bene le incertezze del Velletri, che sembra aver subito il contraccolpo del gol e in una di queste Bonetti riceve sul secondo palo alla sinistra di Ludovisi insaccando per il 4 a 2. Il Velletri a questo punto si scuote e sotto di due gol getta il cuore oltre l’ostacolo. Ricominca la pressione alta e il gior palla veloce e proprio su una azione corale Proja appostato sul secondo palo, la butta dento e riapre la partita a metà del secondo tempo. E ’ ora il Velletri a premere e con una azione in fotocopia ancora Proja trova lo spunto sotto rete e ristabilisce la parità. La tensione sale alle stelle ed è palpabile sia in campo che sugli spalti. A 8 minuti dal termine su un rilancio lungo del portiere del Genzano è ancora Bonetti a sbucare alle spalle di Montagna Manolo, ed a battere co n un destro Ludovisi, riportando il Genzano in Vantaggio. Il Velletri non ci sta e tocca a Maicol Montagna prendere per mano la squadra, producendosi in una discesa che provoca il il panico, l’appoggio all’indietro trova prontissimo Manolo Montagna che con una rasoiata insacca la porta del Genzano, ristabilendo la parità. Il Genzano si disunisce e il Velletri ne approfitta. Fagnani scende banda destra e scarica sul secondo palo dove è in agguato bomber Kaci che questa volta fa centro, portando in vantaggio il Velletri sul 5 a 6. Mancano ormai tre minuti e il Genzano tenta il tutto per tutto inserendo il portiere di movimento, consapevole che il Velletri è al quinto fallo e dovrà fare attenzione nelle entrate per evitare il tiro libero. La tattica dei genzanesi produce gli effetti sperati e a due minuti dal termine il risultato torna in parità. Le squadre però non si danno per vinte, soprattutto il Velletri. SU una discesa di Maicol Montagna, nel tentativo di fermarlo, il difensore del Genzano lo atterra. L’arbitro fischia la punizione. Sul cronometro mancano 30 secondi alla fine. Bomber Kaci sistema la sfera defilata sulla destra del portiere e lascia partire un bolide rasoterra che passa tra le gambe di un giocatore veliterno che beffa così il portiere del Genzano, reo anche di aver piazzato male la barriera. E’ il gol vittoria. Sugli spalti e in campo. Gli ultimi secondi sono interminabili ma il Velletri tiene e si porta a casa tre punti d’oro, mantenendo saldamente il comando della classifica a quattro turni dal termine della regolar seasion. Sabato alla Polivalente con inizio alle 15, arriva la quarta forza del campionato il Terracina. E’ la seconda delle tre gare verità. Dopo toccherà all’Anziolavinio scendere a Velletri. Per il Velletri è imperativo fare una grande prestazione a cominciare proprio col Terracina. Solo al termine di questi due incontri, a risultato acquisito, si potrà provare a fare i conti.

Please follow and like us:
0
20