VELLETRI. La Technology conquista la C2

La squadra del presidente D’Annibale, matricola terribile del Girone A, sbanca il campo della capolista e vince il Campionato di Serie D

E’ la prima volta, che una “matricola” vince il campionato e conquista la Promozione direttamente sul campo!

Venerdì scorso, molti amanti del Calcio a5, si sono dati appuntamento in quel dì Pavona per dare supporto e tifo alla Technology del presidente Luca D’Annibale, che in pratica in 60 minuti si giocava una intera stagione contro l’Atletico Pavona, squadra prima in classifica, con un solo punto di vantaggio proprio sulla squadra veliterna allenata da mister Marco Pulicati. Si calcola che erano più di 150 i veliterni assiepati sugli spalti del centro sportivo a fare il tifo per i blaugrana “nostrani”. Gara dai due volti quella tra la capolista e la sua vice, con la Technology che ha visto le streghe prima di riuscire ad incanalare il match sul giusto binario della vittoria. La matricola terribile del presidente D’Annibale ha iniziato la gara un po’ contratta e non poteva essere altrimenti giocando in casa della capolista, che aveva a disposizione due risultati su tre e soprattutto abituata a giocare già da alcuni anni ad alti livelli. I ragazzi di Pulicati soffrivano inizialmente non solo il “caldo” ambiente, ma anche il pressing della squadra locale, che dopo una decina di minuti si portava sul doppio vantaggio (2-0). Quando gran parte del pubblico dava ormai per spacciata la Technology, ecco che i terribili ragazzi veliterni iniziavano a giocare, rispondendo colpo su colpo agli avversari, anzi bombardando letteralmente il numero “1” del Pavona con le conclusioni di Dell’Andrea. Ci vuole però una bordata di Daniele Leoni di destro per portare la Technology a riaprire la gara attorno al 20’ del primo tempo. A pochi minuti dal riposo, la squadra blaugrana ha l’occasione per pareggiare, ma Sabelli – tiratore scelto e cecchino infallibile – sbaglia incredibilmente il tiro libero andando così al riposo con il Pavona in vantaggio. La Technology rientrava in campo ancora più motivata capendo che l’avversario stava subendo il suo pressing, infatti non passavano nemmeno cinque minuti che arrivava il tanto sospirato e meritato pareggio con una azione personale di Matteo Cupellaro, che con un tiro a giro di sinistro bucava la porta avversaria. Sulle ali dell’entusiasmo, due minuti dopo arrivava il vantaggio dei ragazzi di D’Annibale con il bomber e capocannoniere della squadra Agostini: doppia triangolazione con Sabelli, che di punta anticipava l’intervento del portiere avversario. Tripudio in campo e sugli spalti, non solo per la bella azione che ha portato al sorpasso, ma soprattutto perché si percepiva ogni minuto che passava, che la Technology ormai avesse la partita in pugno.
Non passavano nemmeno cinque minuti, che la Technology C5 si portava sul doppio vantaggio con Sabelli: Daniele Leoni fermava un attacco dei locali, appoggiava a Dell’Andrea che s’involava sulla fascia passaggio sul secondo palo per l’accorrente Sabelli che a porta vuota depositava il pallone del 4 -2. Scoramento sugli spalti da parte dei tifosi del Pavona, mentre in campo per diversi minuti i giocatori locali erano in balìa dei blaugrana ormai cotti a puntino e vicini al tracollo sia fisico che mentale. Provvidenziale il time out chiamato dal mister del Pavona, che ha consentito ai suoi di riordinare le idee e soprattutto di iniziare a giocare con il “quinto uomo” (portiere di movimento), che al 24’ portava i suoi frutti trovando i locali il terzo goal. Ultimi minuti finali con qualche patema d’animo per i veliterni, che si arroccavano a difesa del vantaggio, fin quando capitan Manciocchi riusciva a rubare palla davanti alla propria difesa e con un tiro da lunga gittata a porta sguarnita metteva la parola GAME OVER sulla partita e sul Campionato. Per la cronaca da segnalare l’espulsione di Giordano Leoni dopo il quinto goal, che andava ad esultare davanti la tribuna dei tifosi locali creando un po’ di tensione tra le due tifoserie e a due minuti dal termine il rigore in favore del Pavona per un mani di Daniele Leoni, che avrebbe potuto riaprire la gara, ma parato alla grande da Michel Bianchi, numero “uno” della Technology C5. Il triplice fischio finale sanciva la vittoria dei ragazzi di D’Annibale, ma soprattutto la conquista diretta sul campo della tanto sospirata ed agognata SERIE C2!!!

Carbor

Il presidente D’Annibale: “Il sogno nel cassetto è una stupenda realtà!”

A fine partita, nel marasma di felicità generale, siamo riusciti ad avvicinare “a caldo” il presidente Luca D’annibale, che alla pari dei suoi compagni di cordata – soci e direttivo – sprizzava gioia da tutti i pori.
Presidente, si rende conto dell’impresa fatta?
Per ora sono “ubriaco” solo di felicità. Tanta gioia e tanta commozione allo stesso tempo, felicità che voglio condividere con tutti i miei collaboratori. Ma la parola “collaboratore” è riduttiva, non rende loro merito, perché la Technology è una grande famiglia e devo tantissimo a loro. Se si è raggiunto questo bellissimo ed importante risultato, non solo per noi, ma per la città e per tutto il movimento del Calcio a5, gran parte del merito – fuori dal campo – va a loro che mi hanno sopportato e supportato in questa pazzesca avventura, così come dedico la vittoria a mia moglie, che mi è stata sempre al fianco.
Eravate una matricola, nessuno poteva immaginare che i ragazzi che lei ha scelto e voluto potessero compiere una simile impresa?
I miei collaboratori ed io ci credevamo, non potevamo pensare che avremmo fatto centro al primo colpo, ma di disputare un campionato di vertice ne eravamo sicuri, perché prima di scegliere i giocatori abbiamo scelto l’uomo, quello che ognuno di loro poteva dare sul piano umano e di gruppo, perché se non crei un buon gruppo, anche se hai dei giocatori bravi, non vai da nessuna parte. Anche la scelta del mister ha rasentato questo input. Non abbiamo voluto un allenatore di grido, ma una persona con tante qualità umane, che sapesse formare e tenere il gruppo per l’intero campionato.
Presidente, in una intervista ad inizio di Campionato, si era parlato di un suo sogno chiuso rigorosamente in un cassetto, ora ce lo può svelare finalmente?
Si, ora si! Posso prendere la chiave ed aprire il cassetto dove era gelosamente custodito il mio sogno. Inutile negarlo, il sogno che ora è splendida realtà era la vittoria del Campionato e da matricola conquistare la vittoria sul campo al primo colpo, probabilmente fino ad ora non era successo a nessuna società….almeno mi pare, non vorrei essere presuntuoso nè sminuire la vittoria di nessuno.
Caro presidente ed ora che succede per il prossimo anno in C2?
Lasciatemi godere fino in fondo questa impresa, per il prossimo Campionato chi vivrà…vedrà! ma posso già anticipare che ne vedrete delle belle!
Presidente, complimenti a tutti voi e in bocca al lupo per il prossimo anno.
Grazie….e W il lupo!!!

Please follow and like us:
2