Quando non si risponde alle istanze dei cittadini

LARIANO. Un mese fa la lettera inviata al Sindaco Caliciotti dal Sig. Rodolfo Santolini sul rinnovo delle cariche del comitato di gestione del Centro Anziani

Un mese fa pubblicammo una lettera inviata dal sig . Rodolfo Santolini al Sindaco di Lariano Maurizio Caliciotti nella quale si lamentava la mancata indicazione della tornata elettorale per il rinnovo delle cariche elettive del Comitato di Gestione del centro anziani di Lariano.
Una lettera che, per altro, ha avuto il sostegno sui social da diversi cittadini che hanno espresso la propria solidarietà al Signor. Santolini riconoscendo la validità delle sue considerazioni. Purtroppo, a quanto sembra, i dirigenti del palazzo ai quali sono demandate le decisioni fanno finta di niente eppure già nelle precedenti note inviate da altri anziani e nella stessa ci sono riferimenti precisi a cui necessariamente è doveroso dare una risposta. Nei giorni scorsi da parte di alcuni consiglieri dell’opposizione è stata presentata una interrogazione nella quale si chiede proprio al Sindaco Maurizio Caliciotti di far conoscere gli intendimenti dell’amministrazione Comunale dato che la stessa viene accusata di non aver fatto rispettare il regolamento. La settimana scorsa il signor Santolini ha inviato al nostro giornale un contributo che di seguito pubblichiamo:

Per me questa amministrazione sta deludendo i Larianesi.
E’ un vero e proprio aut aut quello che i cittadini di Lariano lanciano al sindaco Caliciotti, alla sua Giunta e al Partito Democratico. Un messaggio dettato da malcontenti e da problemi irrisolti.
Non è più tollerabile questo modo di operare sia politico che amministrativo.
Quando il sole non brilla non scalda. Questo Sindaco non brilla, ha vinto le elezioni promettendo agli elettori un nuovo progetto politico-amministrativo, incassando fiducia che non meritava, visti i risultati deludenti di una coalizione che doveva portare benefici ai cittadini di Lariano.
Una Lariano in stato di abbandono, in mano a personalismi e tornaconti di tanti, dove mancano i più essenziali servizi per la noncuranza di chi ci governa. Solo per citarne alcuni: il problema del traffico pesante ancora irrisolto, la mancata realizzazione di un centro sanitario per un servizio migliore con ambulatori a norma più adeguati e accessibili, il mancato potenziamento del servizio postale e la sua complicata collocazione, la fallita programmazione di risorse per incentivare e sostenere l’economia locale, per combattere la disoccupazione giovanile, la cattiva gestione, valorizzazione e difesa del patrimonio, delle risorse ambientali e territoriali, i conti e il bilancio ormai chiaramente dubbi.
Ora mi chiedo: possibile che Lariano abbia accantonato la sua identità di paese che non si addomestica, che non si capisca che siamo raggirati e sopraffatti da politici che credono ormai di potersi permettere di tutto? Non si è buoni amministratori solo perché si spendono contributi della Regione per realizzare opere pubbliche, tra l’altro male eseguite e dai costi elevatissimi.
Come non sono buoni politici quelli che non rispondono alle istanze dei cittadini che chiedono conto del loro operato.
Gli esempi, purtroppo, non mancano sto ancora aspettando da questo Sindaco, un intervento, una risposta in merito alla mia pubblica contestazione di irregolarità e violazioni al Centro Sociale Anziani di Lariano. Ovviamente il Sindaco e la sua politica non fiatano sfuggendo al confronto. Allora dico: chi tace acconsente! Firmato Santolini Rodolfo
Claudio Caponera

Please follow and like us:
1