VELLETRI. Itis G. Vallauri: inaugurato il “Robolab”

Programma Nazionale per la Scuola

È stato inaugurato, nella mattinata di giovedì 21 presso l’I.T.I.S.G Vallauri, il “Robolab”, il laboratorio di robotica che consentirà agli studenti una formazione di alto livello nelle discipline tecniche e scientifiche. Nell’ambito del bando denominato “Programma Operativo Nazionale per la scuola, competenze e ambienti per l’apprendimento”, l’istituto veliterno ha ricevuto dal “Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale” il finanziamento di 100mila euro necessario alla realizzazione del progetto “Costruiamo il Futuro- Robolab”. Il brillante risultato è stato ottenuto per mezzo dell’idea e della determinazione dei docenti Sciarrone, Rossetti, Acciarito e della Dirigente scolastica, la Professoressa Anna Toraldo.

Il taglio del nastro

La conferenza di apertura in mattinata ha visto la partecipazione dell’Ing. Pucci, ex studente “vallaurino”, che oggi ricopre il prestigioso ruolo di Researcher Head of Dynamic interaction Control Center for Robotics and Intelligent Systems Istituto Italiano di Tecnologia , il Dott Alessandro Sciolari, Direttore Scientifico di Assoknowledge, il Professor Riccardo Santilli, docente all’università la Sapienza, il Maggiore dei Carabinieri Enrico Aruffo ed infine il Sindaco Orlando Pocci e l’assessore Edoardo Menicocci, anch’essi ex studenti del Giancarlo Vallauri. Ad esordire è proprio il primo cittadino, il quale, con orgoglio ha sottolineato l’importanza del nuovo laboratorio delineando poi uno scenario di quella che sarà la citta del futuro, la cosiddetta città smart, che dovrà essere in grado di affrontare e risolvere le problematiche grazie ad una tecnologia sempre più presente nella vita quotidiana. In seguito l’assessore Menicocci, che tra i bei ricordi della carriera scolastica ha ricordato anche quanto siano stati costruttivi i gemellaggi con gli studenti europei, poiché attraverso questi si è dato un contributo sostanziale per la crescita anche culturale di una comunità la quale aderisce ai progetti che l’Unione Europea stessa mette a disposizione di varie realtà sociali.
È il Professor Sciarrone a raccontare la nascita e lo sviluppo del progetto, un’idea basata sulla necessità di offrire agli studenti maggiori opportunità di approfondimento delle discipline tecniche e scientifiche e garantire in futuro maggiori opportunità occupazionali. Fondamentale il passaggio nel quale ha sapientemente descritto il rapporto tecnologico contemporaneo dell’uomo alle macchine, i cambiamenti all’interno della società che tale evoluzione ha comportato all’uomo e quali modifiche oggi vanno apportate alle modalità di insegnamento al fine di rendere agli studenti una didattica 2.0 al passo con i tempi. In seguito l’intervento dell’Ing. Pucci, il quale, ha spiegato alla platea presente come è nata la sua passione per il mondo della robotica, i suoi trascorsi da studente, quali sono stati gli apporti di questa disciplina alla scienza e quali scoperte sono state effettuate nella creazione di macchine dotate di una propria intelligenza. Chiudono infine i Professori Sciolari e Santilli, i quali, hanno definito agli studenti quelle linee sul quale viaggiano lo studio delle materie scientifiche e tecnologiche ed i loro approcci al mondo del lavoro.
A tagliare il nastro e ad inaugurare ufficialmente il nuovo laboratorio, la Dirigente Anna Toraldo. Al suo interno strumentazioni avanzate, dai nuovissimi pc alle avveniristiche strumentazioni didattiche. Fiore all’occhiello il braccio robotico antropomorfo.
Tutto sarà funzionale ad uno studio che consentirà senz’altro agli studenti di appassionarsi a tali tecnologie e chissà, magari in futuro dare un contributo sostanziale al mondo della scienza.


Sisto Lucio de Simone

Please follow and like us:
0
20