VELLETRI. “La regalità di Cristo deve regnare in noi”

Festa di San Clemente 2019. Lo ha detto il cardinale Francis Arinze nel corso del Pontificale concelebrato con il vescovo e i sacerdoti., attenzionando l’assemblea sulla solennità di Cristo Re, il cui Regno è universale

Ha rispettato le tradizioni la festa di San Clemente, Papa martire, Patrono di Velletri e compatrono insieme a San Bruno vescovo, della Diocesi Suburbicaria di Velletri – Segni. Dopo il triduo di preparazione predicato dal neo parroco della cattedrale, Mons. Cesare Chialastri, sabato 23 novembre Sua Ecc.za Rev.ma Monsignor Vincenzo Apicella vescovo di Velletri – Segni ha presieduto la solenne Santa Messa Pontificale del vesco Apicella, alla quale hanno presenziato il sindaco di Velletri Orlando Pocci con il gonfalone della città e i rappresentanti delle forze dell’ordine. Esposto sul presbiterio il prezioso busto reliquiario rappresentante il Santo Patrono, opera di Giuliano Finelli, primo aiuto di bottega del Bernini. Il busto commissionato dal Cardinale Vescovo Domenico Ginnasi, rappresenta appunto le sembianze del Pontefice martire. La Santa Messa della sera è stata presieduta da Sua Eminenza Reverendissima Cardinale Vescovo di Velletri Francis Arinze accolto sulla Porta maggiore della Basilica Cattedrale dal decano dei canonici, Mons. Paolo Picca che ha posto al eminentissimo principe il crocefisso per il bacio di rito. Dopo la visita al Ss.mo Sacramento, l’em.mo Cardinale e il vescovo Apicella hanno fatto una breve sosta davanti al Santuario della Madonna delle Grazie e poi in sagrestia per rivestire i sacramenti e quindi recarsi sull’altare maggiore per concelebrare la Santa Messa con il vescovo Mons. Apicella, il parroco Mons. Chialastri, i canonici del Capitolo e il clero veliterno.

A rappresentare l’amministrazione c’era l’assessora alla cultura, Romina Trenta, e con lei i rappresentanti delle forze del’ordine. Durante l’omelia il cardinale ha tracciato la figura del papa Clemente che tradizione vuole sia stato l’ evangelizzatore delle terre di Velletri ai tempi apostolici, ma soprattutto si è soffermato sulla solennità di Cristo Re, Re di tutto l’universo. “Gesù Cristo è il nostro Re, capo della Chiesa universale, morto sulla Croce per noi” – ha esordito il cardinale – “ mentre i Re nel mondo di oggi hanno grande potere ma pensano solo alla loro grandezza, mentre il Regno di Gesù è fatto di amore e giustizia”. “La legalità di Cristo deve regnare in ognuno di noi, una società che deve amre la fede del Signore”.Nella solennità della festa non è mancata la tradizionale Fiera delle merci dove si è registrata minore affluenza di gente rispetto alle passate edizioni, probabilmente dovuto in parte alle condizioni metereologi che.


Ale. Fil.

Fotoservizio Spartaco Lamberti

Please follow and like us:
0
20