“Orgogliosi dei nostri primi dieci anni di attività”

Comunicato dell’Aspal

Si è tenuta regolarmente l’assemblea annuale dell’Aspal Lazio,presso la sala velidance,lo scorso mercoledi 4 dicembre 2019.
Quella di quest’anno,non è stata un’assemblea qualunque,visto che sono esattamente dieci anni,che è stata costituita questa associazione. Infatti l’assemblea è iniziata con un video,in cui il direttivo dell’Aspal,ha fatto vedere a tutti i presenti,la nascita e la presentazione dell’associazione sempre al Velidance,con le varie interviste,risalenti a dicembre 2009 .
IL presidente Giammatteo,ha presentato dopo il video, la BCC DI ROMA ,rappresentata dai vertici del consiglio di amministrazione della stessa,i quali hanno rinnovato la convenzione con l’ Aspal ,presentando ai presenti,tutti i servizi vantaggiosi per gli agricoltori in materia di mutui per acquisto terreni, macchine agricole ed inoltre anche prestiti di conduzione annuali,e sostegno alle aziende colpite da fitopatie e calamità naturali. Dopo aver ascoltato la banca credito cooperativo di Roma, il presidente Giammatteo e il suo vice Piero Valeri,hanno fatto un breve riassunto di tutte le iniziative più importanti, condotte dall’associazione,in questi dieci anni;a cominciare dalla battaglia contro l’inceneritore di Albano, insieme a tutto il coordinamento cittadino,conclusa positivamente con la vittoria al tar del Lazio, alla fine del 2010. Un’altra battaglia vittoriosa è stata quella contro l’estensione del parco dei castelli romani e quella contro la centrale biogas a Lazzaria,anche queste, condotta insieme ad un comitato cittadino molto combattivo e concreto,per non far realizzare questi progetti sul nostro territorio . Inoltre è stata ricordata la battaglia contro l’imu agricola,con manifestazione a maggio 2015 a Montecitorio e nel giugno 2015 presso il tar del Lazio;quella contro Equitalia e il signoraggio bancario nel 2013 e 2014;la proposta di legge di una moratoria per i debiti degli agricoltori, fatta presentare nel 2011;le iniziative contro il cinipide del castagno e soprattutto la batteriosi del kiwi ,evidenziando i mancati indennizzi alle aziende colpite,con relativa manifestazione alla pisana,il 29 febbraio 2012,con centinaia di agricoltori ;quella contro le negligenze di alcuni amministratori della cooperativa Coprovi,non facendo approvare un bilancio nel 2013,con svariati milioni di euro di perdite;quella relativa alla direttiva bolkestein nel 2016 e nel 2017;quella contro le mancate pulizie dei canali della bonifica pontina,colmata addirittura con un incontro dal prefetto per ben due volte grazie alle nostre iniziative, insieme ad un gruppo nutrito di agricoltori dei tre bacini. Infine,le ultime iniziative dell’Aspal,alla quale il presidente Giammatteo ha dato risalto,cioè quella contro le calamità naturali ( gelate 2017 , grandinate e vento forte nel 2018 e 2019) , ed ultima la moria delle piante sul kiwi e la cimice asiatica . IL direttivo,ha tenuto a precisare,che ogni tipo di battaglia di quelle sopraelencate,è stata condotta mai da soli,ma sempre insieme ad altre realtà: associazioni, comitati, coordinamenti ecc. Infine, il presidente, dopo aver dato la parola al sindaco di Velletri e al vice sindaco di Cisterna ed ai vari delegati all’agricoltura presenti in assemblea,ha ricordato le varie convenzioni vantaggiose per tutti i propri associati, rinnovando l’impegno dell’ASPAL LAZIO,a proseguire il proprio cammino per altri anni ancora,per salvaguardare tutti gli operatori del settore;lamentando però,da un lato le inefficienze reiterate della politica di qualsiasi schieramento,a livello regionale,nazionale e soprattutto comunitario;ma dall’altro lato, anche l’eccessivo menefreghismo e individualismo di moltissimi agricoltori del nostro territorio,i quali non hanno ancora capito che queste caratteristiche sono una debolezza e non una forza; con la speranza che questa mentalità possa cambiare da qui in avanti,altrimenti sarà dura per ogni uno di noi, tenere in piedi le nostre aziende,in questo contesto economico globalizzato !!!!!

Please follow and like us:
0
20