Le scuole del territorio inadeguate e obsolete

Sicurezza e agibilità

Gli istituti scolastici della provincia di Roma e Latina, tra cui i Castelli Romani, Pomezia, Anzio, Nettuno e Aprilia versano in situazioni inaccettabili. Si parla di edifici non antisismici che non rispettano le norme di sicurezza strutturale. Alcuni presentano un’assenza o un’inadeguatezza di uscite di emergenza o di sistemi antincendio, altri hanno impianti elettrici fuorilegge. Gli impianti sportivi sono, spesso, inagibili per le minime misure di sicurezza, igiene e salubrità, per non parlare delle barriere architettoniche che non permettono la fruibilità dei servizi da parte di tutti quegli utenti, studenti e non, che non riescono ad accedervi.
Tra novembre e dicembre scorsi, furono stanziati dei fondi ministeriali e regionali da investire in lavori edili. Alcuni comuni tra cui Albano, Velletri, Latina, Frascati, Marino, Rocca di Papa, Aprilia, Anzio e Nettuno hanno utilizzato questi fondi per migliorare la situazione degli edifici scolastici e garantire almeno l’agibilità dei plessi. Per altri comuni, invece, i fondi non sono stati sufficienti. Altri municipi, infine, sono rimasti a guardare con le mani in mano senza intervenire sulle strutture.
Come spiega un esperto del settore edile che preferisce restare anonimo, molte strutture scolastiche sono obsolete e inadeguate sotto il punto di vista sismico. L’adeguamento sismico è molto dispendioso e spesso conviene buttare giù il complesso e ricominciare dalle fondamenta. Tuttavia in Italia c’è una cultura sbagliata: si preferisce investire in luminarie piuttosto che nella sicurezza dei propri figli. Neanche i recenti terremoti nel Centro Italia sono bastati a portare la sicurezza delle scuole in primo piano.
Le Procure di Velletri e Latina potrebbero far partire delle indagini per omissione di atti d’ufficio, nei confronti dei comuni inadempienti. Tuttavia, anche i comuni intervenuti lo hanno fatto sugli edifici pubblici, ma in che stato versano gli edifici scolastici privati?


Giorgia Gentili

Please follow and like us:
0
20