Permette? Alberto Sordi

Per il centenario della nascita del grande Alberto Sordi, la produzione Rai ha proposto in pompa magna la proiezione, nei giorni di Lunedì 24, martedì 25 e mercoledì 26 febbraio, del film “Permette? Alberto Sordi”, pellicola narrante una frazione della vita del mitico attore, esattamente dagli anni ’37 agli anni ’57. Soltanto in quei giorni è stato possibile godere di questa specialissima produzione sul grande schermo, ma a breve verrà proiettata in prima serata su Rai 1. Un grande tributo per un attore di enorme statura com’era Alberto Sordi. Egli, sempre attivo nel suo lavoro, non si è mai concesso a frivolezze o distrazioni, come ha dichiarato più volte nelle interviste. Celebri le sue restrizioni come performer, e rinomato per la sua riservatezza e osservanza del buon costume. Famosa la sua dichiarazione: “Io non ho mai baciato davanti alla cinepresa: lo mettevo inciso sul contratto, “io non bacio”. Non ha mai raccontato troppo della sua vita privata, si potrebbe pensare quindi che non ci sia mai stato qualcosa da raccontare. Effettivamente, Sordi è stato un valido esempio di uomo tutto dedito alla carriera e al perfezionamento della tecnica. Saper far ridere è un’arte, e sordi aveva talento da vendere; “Il talento è nulla senza la pratica e il continuo esercizio”, diceva Maria Callas.


Ecco che Edoardo Pesce si trasforma in un affascinante Alberto Sordi, nonostante la sua origine Toscana (l’attore è di Firenze) l’esperienza fatta in “Romanzo Criminale” gli ha permesso di assorbire tutte le caratteristiche di un vero “romano di Roma” (ricordiamo che Alberto Sordi è stato respinto dall’Accademia d’arte di Milano proprio per la sua pesantissima cadenza laziale-romana). Il Regista Luca Manfredi, che ha scritto la sceneggiatura insieme allo stesso Edoardo Pesce e Dido Castelli, ha voluto dare un’immagine pura e semplice di uno degli attori e doppiatori italiani più apprezzati di sempre. Il film si concentra sui momenti spontanei e autentici della personalità di Sordi, appare quasi come un eroe contemporaneo: senza mai cedere ai fallimenti continua imperterrito ad inseguire il sogno di fare l’attore. Con un carattere vivace, sempre allegro, ma decisamente poco adatto ai tempi del fascismo, Alberto si diverte a vivere, smascherando il velo ipocrita di una società che premiava solo serietà e tristezza nei volti degli uomini.

Superba la narrazione dei rapporti d’amicizia che l’attore intrattiene, in primis con il regista Federico Fellini. Ricostruita con dettagli di grande importanza e significativi per i due, “Permette? Alberto Sordi” regala un bellissimo quadro di amore per la vita, le amicizie e per le passioni. Il Cinema Augustus di Velletri è riuscito per questo straordinario evento, ad ospitare il Regista e Shany Martin nella serata di mercoledì 26. Un piacevole incontro in cui gli autori si sono raccontati e hanno raccontato la loro ammirazione per Sordi.

Programmazione Multiplex Augustus di Velletri da giovedì 27 Febbraio 2020:

La partita 20.20/22.30

Parasite 18.10/22.30

Il richiamo della foresta 18.10 (spettacolo unico)

Gli anni più belli 17.30/20.00/22.30

Bad Boys for life 20.00/22.30

La mia banda suona il pop 18.10/20.20


Ascenzio Maria La Rocca

Please follow and like us:
0
20