LARIANO RIPARTE – Interventi economici in sostegno di partite Iva e famiglie colpiti dall’emergenza economica e sociale da COVID19

Proposta di Delibera: LARIANO RIPARTE per aiutare partite Iva e posticipare la TARI

Premesso che oltre a continuare a sostenere ed aiutare le famiglie in difficoltà, dobbiamo assolutamente andare in sostegno ed aiutare le partite IVA del nostro comune.

Certo che il nostro contributo di consiglieri comunali di minoranza è di fondamentale importanza per la democrazia e per la vita sociale ed economica del paese, come lo è quella degli assessori comunali e degli altri consiglieri comunali.

Indubbio che tutte le nostre proposte apportate sino ad oggi hanno una copertura economica fattibile e sono necessarie per mantenere vivo il tessuto sociale e produttivo del paese.

Considerato che l’art. 112 del D.L. 18/2020 recante “misura di potenziamento del Servizio Sanitario Nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da Covid19” prevede che “Il pagamento delle quote capitale, in scadenza nell’anno 2020, dei mutui concessi dalla Cassa Depositi e Prestiti Spa, trasferiti al Ministero dell’Economia e delle Finanze, è differito all’anno immediatamente successivo alla data di scadenza del piano di ammortamento contrattuale, sulla base della periodicità di pagamento prevista nei provvedimenti e nei contratti regolanti i mutui stessi”, nonché che “il risparmio di spesa è utilizzato per il finanziamento di interventi utili a far fronte all’emergenza Covid-19”;

Chiaro che occorre dare mandato, al competente ufficio, di predisporre una ricognizione ed una verifica dei dati bilancio e valutare il risparmio derivante dal posticipo della rata di mutui per l’anno 2020, che, da nostre informazioni ammontano ad oltre 190.000,00 euro;

Certo che in questa emergenza, con la limitazione imposte per DPCM all’esercizio delle attività economiche ed alla circolazione delle persone, si rende necessaria una azione politico-amministrativa coraggiosa ed incisiva, prima attraverso interventi sanitari straordinari con misure maggiormente restrittive ed incisive, con sanificazioni e stretta vigilanza del territorio (già da noi proposte) ed ora anche e soprattutto con aiuti economici a favore delle categorie colpite, attraverso sia contributi economici diretti che attraverso riduzioni del prelievo fiscale;

Indubbio che per gli sgravi fiscali, occorre predisporre apposito capitolo di bilancio, da approvare quale variazione di bilancio, ai fini della riduzione TARI 2020 per le utenze non domestiche, attraverso criteri di gradualità proporzionale all’accertato disagio economico subito per effetto delle limitazioni imposte, fermo restando la sospensione dei termini di pagamento da deliberare con urgenza entro il 21 aprile 2020.

Stabilito che, allo stesso modo, i contributi economici diretti debbono essere erogati con i medesimi principi di gradualità e finalizzati a sostenere i soggetti colpiti dal momentaneo disagio economico, senza trascurare i soggetti IVA, anche loro drammaticamente colpiti da questa crisi economia, così come molte altre famiglie.

Vista l’inopportunità e l’impossibilità della convocazione immediata e tempestiva di un consiglio comunale ordinario (ma di prevedere forme di confronto democratico in videoconferenza), nonché la necessità di intervenire rapidamente per il contenimento dell’emergenza COVID-19, così come disciplinato dal D.L. 18/2020; Visto il D.Lgs. 267/2000.

Con le risorse economiche attualmente disponibile dai mutui congelati in seguito ai provvedimenti governativi, e con ulteriori iniziative che dovranno necessariamente seguire, dobbiamo porci insieme ed uniti la precisa mission di pianificare, adesso, la rinascita del paese e lo sviluppo occupazionale.

A tal proposito sollecitiamo L’Amministrazione Comunale, a dare il via agli atti propedeutici per lo stanziamento di ulteriori contributi alle famiglie che si troveranno in difficoltà e con il taglio della pressione fiscale alle categorie produttive cittadine. Senza trascurare, con questa delibera, i soggetti IVA, attualmente in difficoltà anche sociale e psicologica.

Intendiamo collaborare e dare il nostro contributo alla delibera “LARIANO RIPARTE” con provvedimenti concreti e realizzabili, per cui IMPEGNAMO L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE:

1) a sospendere i termini di pagamento della TARI 2020 a tutte le utenze non domestiche fino al 31dicembre 2020,

2) a sospendere il pagamento della TARI 2020 delle utenze domestiche almeno fino al 30 ottobre 2020;

3) lo stop all’attività accertativa sulle entrate comunali fino al 31 ottobre 2020;

4) lo stop al pagamento di tutti i parcheggi fino al 30 giugno 2020;

5) con i fondi e le risorse non utilizzati e risparmiati dai capitoli di spesa, come da bilancio di previsione 2019-2021 approvato con delibera di C.C. n. 17 del 27.02.2020 di provvedere:

a) alla abolizione dell’Irpef comunale per le partite IVA in comprovata difficoltà economica per le disposizioni del DPCM in premessa;

b) all’acquisto e/o confezionamento di kit per tutta la popolazione contenente 2 mascherine chirurgiche o similari + 3 paia di guanti + un flaconcino di sanificante per mani, al fine di prevenire la diffusione del contagio ed iniziare a prepararci per la fase 2 di parziale riapertura.

AGIRE BENE E SUBITO, CI FARA’ RIPARTIRE MEGLIO E PRIMA.

I consiglieri comunali:

Dott Gianluca Casagrande Raffi, Dott.ssa Tiziana Cafarotti, Dott.ssa Ilaria Neri, Dott. Francesco Montecuollo, Dott. Enrico Romaggioli, Prof.ssa Sabrina Verri

Please follow and like us:
0
20